In movimento variabile

Raccontare una città attraverso altri sensi, con l’esclusione della vista, è una vera e propria sfida per un vedente, perché bisogna sforzarsi di immaginare e percepire suoni, sapori, spazi e consistenze che guidano la quotidianità di chi non vede. Molte volte crediamo di conoscere bene la nostra città, perché percorriamo quelle strade centinaia di volte e di sicuro sappiamo cosa incontreremo, strada facendo. Ma se  provassimo a farci guidare bendati da qualcuno, per un certo percorso, una volta ritornati, a nostra insaputa, da dove siamo partiti, riusciremmo a riconoscere con gli altri sensi le strade e gli edifici intorno?

Probabilmente no. Allora ci renderemmo conto di quanta importanza riveste per noi un senso che diamo per scontato e di quanto difficile potrebbe essere compiere piccoli gesti come: attraversare la strada, camminare senza urtare o inciampare, evitare la folla, etc.

Il quadro allora esprime, attraverso il gioco, un bisogno più profondo: imparare o re-imparare a usare gli altri sensi per conoscere più attentamente i dettagli di persone e spazi che sono intorno a noi. Oltre a sensibilizzare i vedenti, che diventano per qualche minuto ‘non vedenti’, sui bisogni e le difficoltà di chi deve fare a meno di un senso, vogliamo invitare tutti a impiegare meglio i diversi sensi.

Così, il parco più famoso della città è riconosciuto anche attraverso le suggestioni immaginate della persona che passeggia e riconosce un faggio o un albero di magnolia, al soffice tatto. È anche interessante scoprire i diversi volti della città tramite alcuni dettagli come la rapidità di un tram in movimento oppure i cortili nascosti ricchi di verdeggianti decorazioni che mostrano una Milano più calma, suadente e che desidera rivelarsi con il garbo di uno stile liberty. Milano è anche espressione della vivacità culturale attraverso alcuni musei che incontriamo sul percorso e che, pian piano ci portano a conoscere il simbolo della città scelto dalla scuola partecipante al progetto: il Duomo di Milano. 

Sapevi che per costruire il duomo di Milano ci sono voluti più di cinquecento anni?Cinquecento anni in cui si sono succeduti artisti, architetti, progetti ed idee. I lavori del duomo di Milano furono terminati sono nel XIX secolo, quando per volere di Napoleone, furono completate la facciata e le guglie.

‘In movimento variabile’ di Francesca Ferri esprime in musica le alternanze ritmiche della città in costante movimento con gli interventi dei fiati e delle percussioni, in contrasto ai momenti di quiete ricreati con il vibrafono nonché di misticismo dato dal suono delle campane e dell’organo.

Ogni suggestione sonora accompagna i dettagli appena scoperti sotto le dita, in un viaggio inedito per le strade della città dove, dalla Veneranda fabbrica del Duomo al nuovo skyline, ogni cosa è in movimento variabile.

Arte artigianale e Arte digitale

Nella comunicazione odierna il linguaggo è molto rapido e spesso le parole sono adoperate senza un’attenta riflessione sul significato rispetto al contesto in cui le utilizziamo. Se, ad esempio, consideriamo la parola tecnologia: quante volte al giorno viene pronunciata e nei più svariati ambiti sociali?

La parola deriva dal greco “techne” arte intesa come il saper fare, e “logia”, discorso, trattato. Il significato stesso di tecnologia mostra il collegamento esistente con il mondo dell’arte. Con questo termine, non si dovrebbe definire qualcosa di recente, legata a scoperte moderne degli ultimi anni, perchè da sempre gli artisti si sono basati sulle conoscenze tecnologiche e sull’ingegno per trovare i materiali e gli strumenti adatti per esprimere al meglio i propri pensieri, desideri e visioni.

L’opera d’arte è dunque determinata soprattutto dai materiali a disposizione dell’artista e dall’abilità di questi nel manipolarli. La tecnologia è sempre esistita ma ha assunto connotazioni via via diverse, perché gli strumenti offerti dall’ambiente sociale e culturale si evolvono in continuazione e cambiano nel tempo le possibilità di espressione artistica e di fruizione.

L’espressione artistica degli ultimi anni vede sicuramente una sempre maggiore combinazione tra intelligenza umana e intelligenza artificiale. L’uso appropriato dei codici informatici ha sostituito, per certi versi, la conoscenza di pigmenti e miscele di oli da parte del pittore. Per questo oggi si può parlare anche di arte digitale, spesso chiamata anche “Arte multimediale” o “Computer art”. Queste nuove prospettive non intendono ridurre o semplificare il ruolo dell’arte, semmai ampliare le strade da percorrere. L’artista si trova davanti ad un ventaglio di idee, che sceglie se e come meglio combinare, per il proprio messaggio. Non è detto che ogni artista sia costretto ad utilizzare i moderni strumenti di comunicazione, può tuttavia sfruttare la conoscenza degli stessi per raggiungere un pubblico più ampio e attratto dal linguaggio contemporaneo.

Sensoltre Sei Tu cerca di combinare alcuni aspetti dell’arte concepita in termini artigianali e manuali con linguaggi informatici. Passato e presente vanno di pari passo, per offrire una chiave di lettura attenta ai nuovi linguaggi, senza però tralasciare criteri di selezione del materiale, dei colori e delle forme che occorre lavorare con le proprie mani.

studenti della 2H, scuola Maffucci, durante la fase di realizzazione dell’opera tattile

Così la pittoscultura, l’arte tra pittura e materia di Giovanni Pedote, costituisce la parte artigianale del quadro tattile dalla fase di selezione del legno, al taglio, alla colorazione e incisione con strumenti di precisione manuali e non meccanici. Gli studenti partecipano alla costruzione del quadro seguendo le istruzioni dell’artista per iniziare l’apprendimento proprio dalle attività manuali. Una volta assemblate le singole parti e creata la base del quadro, si passa alla fase digitale.

La stampante 3d costituisce la novità artificiale di Sensoltre. Gli studenti scelgono alcuni simboli stilizzati della città da riprodurre. Il disegno degli oggetti scelti al computer e rielaborati da Marco, socio ISF, viene inserito nella scheda di memoria interna alla macchina e si avvia il processo di costruzione. Lo sviluppo degli oggetti è lento ma preciso e si basa su conversione del disegno in algoritmi matematici. Gli studenti imparano, con il gioco, ad usare lo strumento tecnologico che forma un linguaggio nuovo e attuale capace di arricchire la conoscenza dell’arte. Ogni pezzo completato viene staccato dal piatto di lavoro e incollato in un punto preciso del quadro tattile.

progettazione del disegno del Duomo di Milano
costruzione in 3d del Duomo di Milano

Si crea così un disegno variegato nell’uso dei linguaggi espressivi. Una pacifica convivenza, tra arte artigianale e arte digitale, con infinite interpretazioni e suggestioni sia per chi crea e sia per chi esplora l’opera.

 

 

 

 

Le attività sensoriali e creative a Milano

Lasciamo la via Emilia ma rimaniamo nella Pianura Padana, in direzione nord-ovest, per raggiungere la terza città di Sensoltre Sei Tu: Milano. Circondata dal fiume Po e dai rilievi prealpini, la capitale lombarda svela con garbo le sue bellezze architettoniche più nascoste e si rivela a tutti come un luogo vivace e in continuo divenire per l’economia, la cultura e la moda.

Come per le altre tappe cittadine, anche qui le attività seguono due fasi: quella formativa e creativa a scuola, in vista della futura mostra con il lavoro realizzato. A metà settimana siamo pronti per iniziare il racconto di Informatici Senza Frontiere e di Sensoltre, con tutti gli strumenti creativi a portata di mano. Con piacere, trattandosi di un progetto artistico, scopriamo una scuola aperta all’arte: ogni piano presenta aule alternate a laboratori e aree ricreative decorate con colori vivaci. Numerose riproduzioni di quadri di arte contemporanea sono disposte lungo i corridoi insieme con immagini di musicisti e di spartiti musicali. La Maffucci, in zona Bovisa, è una scuola media a indirizzo artistico-musicale e per questo non sorprende sentire le note di un pianoforte risuonare durante le attività in classe.

Ingresso Scuola Media Maffucci – Milano

Con Pierlorenzo, coordinatore regionale di ISF Lombardia, raccontiamo i progetti di no digital divide in un’aria di stupore e curiosità generale. La classe  2H è numerosa e interculturale: cinesi, indiani, egiziani, bulgari. Per conoscere la nuova Italia, è sufficiente entrare in una di queste classi e ritrovare un vero e proprio melting pot! I Ragazzi sembrano ben integrati e desiderosi di mettersi in gioco con lealtà. L’aver lasciato il proprio paese da un paio d’anni o poco più, non nasconde dietro alcuni sorrisi, quel sottile velo di malinconia. – Sai – mi dice una ragazza egiziana, avvicinandosi alla stampante 3d in funzione, – Sono arrivata qui esattamente il 10 maggio di 3 anni fa e non posso dimenticare il viso triste di mia nonna quando ci siamo salutate. Per sentirla vicino, ogni sera, prima di andare a letto, prendo il suo foulard e lo annuso. Ricordo il suo profumo e quello della mia città. Però qui sto bene, non mi lamento. – In quegli occhi scuri sorridenti leggo la forza e il coraggio di chi ha dovuto conquistare la libertà e se la tiene stretta, senza cancellare il proprio passato.

In piccoli gruppi di tre studenti per volta, alterniamo attività di creazione sul quadro tattile con Giovanni, alle fasi di costruzione di un tram milanese con la stampante 3d. Ognuno ritaglia parti, incolla, suggerisce elementi da inserire.

Le attività si completano il giorno seguente alla presenza di Rosanna, una ragazza non vedente, che sorprende tutti con i suoi racconti e le sue esperienze di vita, tra le quali, quella della danza al buio. – Come fai a ballare se non vedi il tuo partner? – Rosanna spiega le difficoltà incontrate e la voglia di non mollare mai che l’ha portata a diventare la persona grintosa che è oggi. I ragazzi si dimostrano attenti e eccitati all’idea di indossare una benda per gli esperimenti sensoriali al buio.

Ci auguriamo che attraverso il gioco quel fermento creativo sviluppato in queste giornate possa rappresentare, in ognuna di queste giovani menti, il seme del rispetto per l’inclusione da curare e far crescere rigoglioso nel tempo.

 

Dal laboratorio alla mostra: i luoghi della condivisione

L’intreccio di personalità e attività coinvolte per la formazione e la sensibilizzazione ai temi dell’inclusione sociale attraverso l’Arte si concretizza, all’esterno della scuola, con la mostra cittadina.
Gli approcci educativi per l’apprendimento, che consentono agli studenti di confrontarsi sistematicamente e vedere in itinere i risultati delle conoscenze acquisite, trovano conferma nell’esposizione finale di quanto detto e fatto in classe. L’installazione artistica è quindi l’esito naturale del processo educativo innescato.

Tale processo risulta funzionale ad una più efficace acquisizione di conoscenze e alla condivisione delle stesse per una maggiore integrazione nella classe con risultati positivi a beneficio anche delle diverse situazioni di Bes (studenti con Bisogni Educativi Speciali).

L’apertura al pubblico della mostra è una grande novità attesa dagli studenti, curiosi sia di testare il progetto in prima persona in un contesto extra-scolastico e sia di verificare le aspettative del pubblico rispetto al lavoro svolto in classe. Palazzo Sagges è il primo luogo di mostra per la sezione di Sensoltre Sei Tu a Bari. Un edificio storico, alle porte del borgo antico, oggi sede della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica per la Puglia e la Basilicata. L’antica casa palatiata del Seicento, nelle vicinanze della Cattedrale romanica, porta il nome della famiglia patrizia ultima proprietaria dell’immobile dal 1701 al 1927.
Un elegante portale, privo di epigrafi o effigi, apre l’ingresso a un arioso androne caratterizzato dal ricorrente elemento della scala in pietra.
Da questo cortile si accede allo spazio allestito per la nostra mini mostra.

cortile di Palazzo Sagges – Bari

Durante l’inaugurazione della mostra, alla presenza delle autorità, i primi visitatori sono proprio i giovani artisti della 2A della scuola media Eleonora Duse. Si nota l’entusiasmo e la soddisfazione di tutti i ragazzi. Colpisce il senso di solidarietà e condivisione nei commenti e negli abbracci post visita. Gli studenti non parlano di un quadro, ma del loro quadro. L’oggetto artistico diventa quindi un mezzo che unisce e migliora gli equilibri all’interno della classe.

Seguono due giorni di visite intense che vedono partecipare un pubblico vario: studenti e docenti delle altre classi, le diverse personalità dei patrocini coinvolti, cittadini attratti dal percorso sensoriale e turisti di passaggio.
Centinaia di persone hanno visitato questa prima edizione di Sensoltre Sei Tu e i commenti rilasciati sul posto come anche sui social networks adoperati di Sensoltre e di Informatici Senza Frontiere, dimostrano come le aspettative di buona riuscita della mostra siano state pienamente soddisfatte.

Dal borgo antico barese, caratterizzato dalla prevalenza dello stile romanico e da una mescolanza di culture che trova pacificamente espressione artistica nella Basilica di San Nicola, si passa al multietnico quartiere Navile di Bologna.

Biblioteca La Casa di Khaoula – Bologna

La scelta dello spazio riguarda una biblioteca di quartiere in occasione del decennale dalla nascita: Biblioteca La Casa di Khaoula.

Prima di raccontarvi questo spazio, premetto che la grande curiosità da parte di molte altre classi della scuola Salvo D’Acquisto, ha portato a suddividere le tre giornate di mostra in questo modo: una giornata dedicata esclusivamente alla scuola, per consentire ad altri studenti e docenti di conoscere il lavoro realizzato e due giornate di mostra aperta alla cittadinanza, presso la biblioteca.

Questo spazio, adiacente all’ippodromo bolognese e immerso in un ricco parco cittadino, deve molto la sua nascita ad una lettera speciale. Nel 1998, Khaoula, una dodicenne di origine marocchina, residente a Bologna nel Quartiere Navile, scrisse al giornale “L’Unità” per denunciare le difficili condizioni abitative in cui si trovava la sua famiglia, condizioni che le rendevano impossibile avere un posto in cui potere studiare o leggere serenamente. La lettera fu pubblicata e poi ripresa da altri organi di informazione, dando lo spunto al Comune di Bologna per la progettazione di una nuova biblioteca nell’area della Bolognina, una delle zone della città a più alta percentuale di residenti di origine straniera. Il progetto si concentrò sulla ristrutturazione degli spazi di una delle scuderie storiche dell’Ippodromo Arcoveggio e fu realizzato anche grazie al sostegno della società Hippo Group e al della Fondazione Carisbo, regalando alla città una nuova biblioteca, intitolata proprio a quella ragazzina del 1998 e dedicata in particolare all’infanzia, alle culture e alle esigenze delle comunità immigrate.

Oggi, a 10 anni di distanza, Khaoula, che ora vive e lavora nel Regno Unito, ritorna nella sua Bologna per festeggiare questo felice anniversario insieme ai piccoli e grandi lettori della biblioteca e a molti dei protagonisti di questa esperienza.

Il collegamento motivazionale tra la mission di Informatici Senza Frontiere e questo luogo sembra perfetto perché condivide l’impegno con attività dedicate all’inclusione sociale.

La nostra prima visitatrice è stata proprio Khaoula, appena arrivata da Londra. Lei stessa si emoziona ripercorrendo con le dita sul quadro le strade di quella che un tempo era la sua città. Le visite sono triplicate, rispetto alla prima tappa, grazie anche al richiamo di entusiasmo che ogni visitatore diffonde tra amici, parenti e conoscenti, dopo aver provato personalmente l’esperienza sensoriale. Durante l’ultima mattina di visite è bello vedere tornare i ragazzi della classe partecipante al progetto, con i loro parenti, per seguirli personalmente durante la scoperta tattile.

L’unione tra formazione attiva e pratica culturale, attraverso la mostra espositiva, rende unico questo progetto e più agevole la diffusione del delicato e più che mai attuale tema dell’inclusione sociale. Una testimonianza di tale valenza sociale non può che essere piacevolmente condivisa.

https://www.youtube.com/watch?v=Kenn9ORvvH4

Un teatro e una feluca per la metropoli medievale

In ogni città coinvolta nel progetto Sensoltre Sei Tu accanto alle attività formative e laboratoriali, dedicate al tema dell’inclusione, si realizza una vera e propria installazione.

Le fasi artistiche, che precedono la mostra finale, sono le seguenti:

  • creazione di un quadro tattile (realizzazione di componenti in legno da assemblare per la base di lavoro; creazione e inserimento di parti simbolo della città di diverso materiale e consistenza)
  • produzione di una traccia audio (ideazione di una musica e di un testo, successivamente registrati e mixati con software dedicato)
  • inserimento della traccia nel database informatico e nella applicazione di Sensoltre

Si comprende come, in questo caso specifico, con il termine artistico intendiamo un complesso di attività che coinvolgono più persone nei rispettivi settori formativi: quello artistico, nel senso artigianale del termine, quello creativo ispirato dalla conoscenza del territorio dal punto di vista dello studente di 12 anni, quello della scrittura creativa e musicale, indispensabile a collegare il tatto all’udito. Infine è l’espediente tecnologico a mettere insieme i singoli pezzi, affinché si possa parlare di vera e propria installazione artistica.

L’idea del viaggio e della scoperta, sono sempre presenti nelle installazioni realizzate, perché favoriscono la curiosità e lo sviluppo della conoscenza attraverso l’esplorazione tattile, a prescindere dall’età.

Il lavoro artistico ideato per Bologna racconta una città tra passato e presente, in un viaggio nei secoli. La città di Bologna è chiamata la dotta, perché qui nacque la prima università del mondo occidentale, la rossa, per il colore dei mattoni con cui sono costruiti i palazzi del centro storico Ma Bologna è anche la turrita, per le numerose torri che nel medioevo rendevano il suo panorama tanto inconsueto quanto spettacolare.

Panorama immaginario della Bologna turrita dell’XI secolo (Toni Pecoraro, 2012)

Dal Medioevo si passa, attraverso i portici e le verdi aree, al Rinascimento e al periodo Classico che vede il suo splendore in un edificio simbolo della città quale il Teatro Comunale, così chiamato in quanto, primo teatro d’opera ad essere ricostruito nel’700, dopo un terribile incendio, con fondi pubblici. Luogo di prime internazionali come il Lohengrin di Wagner e alcune opere di Rossini e Bellini.

L’intreccio musicale del nuovo brano di Francesca Ferri, Una metropoli medievale, espone il viaggio itinerante senza tralasciare la goliardia, il tradizionale spirito che anima le comunità di studenti, soprattutto in ambito universitario, nel gusto per la trasgressione, la ricerca dell’ironia, il piacere della compagnia e dell’avventura.

Simbolo dell’animo goliardico è la feluca, unico cappello della tradizione Universitaria Italiana consacrata a fine ‘800 da Carducci proprio a Bologna per la prima festa delle Matricolari. Cappello che simboleggia proprio il percorso di studi, utilizzato pubblicamente come essenziale componente dell’abbigliamento goliardico.

Il visitatore ha il privilegio di viaggiare nel tempo attraverso la storia, l’arte, la musica e la letteratura. Per questo viaggio occorrono: una cuffia, una benda e uno smartphone con la app attiva e tanta voglia di lasciarsi guidare dal tatto, dall’udito e dalla personale attitudine all’immaginazione.

Pronti per questa nuova avventura?

Le attività formative a Bologna

Nei mesi di marzo e aprile Sensoltre Sei Tu fa tappa a Bologna. Percorriamo quindi la costa adriatica carichi di energia e con il bagaglio necessario alle attività di laboratorio. La primavera è alle porte, ma il tempo sembra allontanarla ancora per un pò, con una pioggia incessante. Anche in condizioni di mal tempo, la prima cosa che apprezzi nel capoluogo emiliano son proprio i portici. Non esiste altra città al mondo con lo stesso numero di portici. Una volta, con un amico bolognese, ho camminato per qualche km passando da un portico all’altro. Si rimane a bocca aperta per la bellezza architettonica e la ricchezza di dettaglio che ogni lungo corridoio preserva, di quei palazzi che si erigono al di sopra dello stesso. Ci si sente avvolti in un abbraccio lungo 40 km sotto queste meraviglie, oggi patrimonio dell’Unesco. Come non ricordare lo stupore di Stendhal nei suoi Voyages en Italie? 

Raggiungiamo la scuola media secondaria Salvo D’Acquisto nel quartiere Navile con Virgilio e incontriamo Franco, Simona e Maurizio, altri soci ISF dell’Emilia-Romagna. Un grande parco circonda la struttura scolastica con alcuni ponticelli e un lungo passaggio in legno ci porta all’ingresso.

Mi colpiscono le riproduzioni ai muri delle figure coloratissime, lineari e rapide di Keith Haring, un pò ovunque nella scuola. Sembra esserci un collegamento tra queste immagini e i principali fruitori della scuola: vivacità, senso di appartenenza, schiettezza, ingegno e profondità di sentimento, visibile quest’ultima soltanto al più attento osservatore.

 

Accompagnati dalla docente Carla, andiamo nella 2C. L’aula è molto grande e luminosa e i ragazzi sono disposti in gruppi di 5-6 banchi a cerchio. Studi pedagogici dimostrano che questa disposizione di banchi è più funzionale a catturare l’attenzione degli studenti e a favorire l’integrazione. La classe è molto varia in termini di comportamento tra studenti silenziosi e seriosi con altri molto vivaci che ci pongono tante domande di fila. -Ma voi informatici, siete anche hacker?- oppure -Su Play store posso scaricare l’app di Strillone?- E così, mentre Franco racconta le attività principali di ISF, Giovanni mostra i pezzi del quadro che realizzeranno, io racconto loro di Sensoltre e iniziamo a creare le prime medaglie 3d con la stampante.

Il giorno seguente abbiamo svolto i test sensoriali tattili e di ascolto in collaborazione con Fortuna, una socia dell’Istituto Cavazza di Bologna. Gli studenti, come anche a Bari, si rivelano molto curiosi e, al contempo, rispettosi dell’ospite. Ciononostante, nascono domande molto dirette e scomode sulla disabilità. Non so mai quale reazione possano suscitare tali domande nel diretto interessato.-Come fai a vivere senza colori?- Soltanto per citarne una. Durante la pausa caffè mi scuso con Fortuna per le domande imbarazzanti. Lei, però, mi sorprende dicendomi -Stai tranquilla. Sono ragazzi. Mi piace la loro curiosità e spontaneità. Sono domande naturali.- Capisco la semplicità dei ragazzi rileggendo i loro temi, che spesso menzionano la gioia di aver conosciuto una ragazza tanto gentile e felice come Fortuna. Qualcuno di loro dice – E’ la prima volta che parlo con una persona cieca. Lo ricorderò per tutta la vita.- 

Con questo stesso senso di autentica fanciullezza, ci prepariamo alla mostra dedicata alla città di Bologna.

 

Saper ascoltare, saper immaginare

Ci sono luoghi dove ci si reca per ascoltare musica e\o per assistere ad uno spettacolo musicale o, più in generale, a una performance. Pensiamo a un teatro, ad una sala da concerto. Ci troviamo in questi spazi con l’intenzione di ascoltare, per un determinato arco temporale, un certo programma musicale, o assistere a uno spettacolo.

C’è una volontà precisa di partecipazione che parte dal biglietto, acquistato o ricevuto in regalo, e si conclude con il momento trepidante del recarsi sul posto, in compagnia di chi condivide lo stesso interesse o ha il piacere di trascorrere un momento speciale con noi, o persino da soli, se spinti dalla passione o da motivi professionali.

Cosa succede invece quando l’ascolto musicale avviene in contesti diversi e, per certi versi, estranei ai luoghi “classici” deputati alla musica?

Non intendo la musica ascoltata in sottofondo nei centri commerciali, dal parrucchiere o in un qualsiasi bar. Negli ultimi anni è cresciuta nel marketing culturale, la consapevolezza di avvicinare il pubblico alla Musica e alle Arti in genere, con idee capaci di sorprendere. Sempre più frequenti sono le sperimentazioni di ascolti accompagnati da spettacoli di luci, immagini, video, con l’ausilio delle più moderne tecnologie. L’offerta di performance multisensoriali è in continuo sviluppo, grazie alla risposta positiva di un pubblico fatto non soltanto di esperti. Quello che musei, enti pubblici e privati, e singoli artisti, si aspettano di creare rispetto a queste manifestazioni, non è soltanto il ritorno economico fine a se stesso e limitato all’evento, ma sicuramente il desiderio di incuriosire e accrescere nel tempo l’attenzione e la sensibilità verso il proprio settore artistico.

Sensoltre è un esempio di utilizzo della musica inteso diversamente dal concerto musicale. Quando il visitatore vedente indossa la benda, perde i riferimenti spaziali e ha soltanto due strumenti come guida: il tatto e l’udito.

Nell’ascolto in cuffia, la musica svolge un’importante funzione guida. Senza la musica il racconto del quadro apparirebbe piatto e più difficile per l’ascoltatore. Pensiamo al potere evocativo del ritmo musicale che si lega alla parola e agevola uno stato di quiete interiore, migliorandone la scoperta tattile.

Sensoltre nasce con ascolti di autori da fine ‘800 e inizio ‘900 come Mahler, DebussyFaurèRavel,SaintSaëns, Busoni e altri. Il percorso si arricchisce con la partecipazione di compositori contemporanei che hanno donato la propria opera a Informatici Senza Frontiere: Roberto AndreoniNicola Cicerale.

Per Sensoltre Sei TuFrancesca Ferri, studentessa del Conservatorio Piccinni di Bari e compositrice, scrive i brani musicali ispirati dalle caratteristiche di ciascun quadro tattile che presenta elementi di richiamo alle tre città coinvolte.

Per la città di Bari, Francesca crea un brano con il nome Dal Mare, la cui tessitura musicale prende ispirazione dall’intreccio di culture, avvenuto nei secoli, e dall’unione rappresentata dalla Basilica di San Nicola.

L’ascolto musicale diventa un intimo incontro alla scoperta di una storia, che da questo momento ci appartiene.

Giochi sensoriali

Il secondo giorno ritorniamo a scuola in compagnia di Giuseppe, amico di ISF onlus e tester della mostra Sensoltre. Chi è un tester? Si tratta di una persona, con particolare sensibilità, che mette a disposizione il suo tempo per sperimentare un quadro finito e valutarne le possibilità tattili. Appena superato l’ingresso principale, Giuseppe si ferma e dice ‘Quanta gente c’è in questo atrio a quest’ora del mattino…ma non sono ragazzi, vero?’ E mentre il suo sguardo si proietta in direzione delle voci, gli confermo che si tratta di alcuni operai che stanno sistemando snacks e bevande nelle macchinette della scuola. Andiamo in classe e sentiamo qualche schiamazzo di ragazzi in attesa dell’inizio delle lezioni. Ritroviamo la prof. Romito che richiama l’attenzione degli studenti al nostro arrivo. Appena i ragazzi incrociano lo sguardo di Giuseppe, cala il silenzio. Li guardo tutti arzilli e dico ‘Buongiorno a tutti! Oggi saremo in compagnia di Giuseppe che vi racconterà la sua esperienza con Sensoltre. Faremo anche dei giochi sensoriali che vi aiuteranno a capire meglio come costruire il quadro’. Vedo il loro entusiasmo crescere in un misto di curiosità ed eccitazione. Così, mentre Giovanni sistema sulla scrivania la base di lavoro per il quadro, Giuseppe si presenta alla classe.

Conosco Giuseppe sin dai primi anni di studio in Conservatorio. La scorsa estate, Giuseppe si è diplomato in pianoforte. É un piacere sentire raccontare ai ragazzi, con estrema semplicità, i suoi tanti impegni e interessi quotidiani: dagli studi universitari, alle partite di calcio nella Nazionale, comprese le attività culturali svolte presso l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Bari, come le famose cene al buio. Insieme a tutti questi impegni, Giuseppe ha sempre mostrato grande interesse nella mostra Sensoltre, sin dal primo giorno in cui gli ho raccontato l’idea. ‘Sai’, gli dissi un giorno in cortile, ‘Ho conosciuto un’associazione di informatici a Bari, che vorrebbe realizzare una mostra tattile per non vedenti. Non una mostra qualunque, ma un percorso tattile che aiuta i vedenti a capire meglio il mondo dei non vedenti e, a tutti, di provare un’esperienza multisensoriale con anche l’uso della musica.’ Ero felicissima di diventare curatrice per un percorso del tutto nuovo e che mescolava forme d’arte diverse, con la musica, l’arte e la tecnologia, un mondo che già avevo iniziato a esplorare con la tesi in Conservatorio.

Così Giuseppe racconta dei primi esperimenti sui quadri e degli incontri a Polignano, nel laboratorio di Giovanni, mentre si realizzavano le pittosculture, quadri fatti di materia e colore. I testi venivano letti insieme, mentre Giuseppe provava ad individuare le forme e i paesaggi. Così facciamo ancora oggi, con la mostra diventata itinerante. I ragazzi sono tutti talmente presi dalle parole di Giuseppe che nessuno di loro alza la mano per la classica domanda ‘Posso andare in bagno?’

Terminate le presentazioni, le attività si dividono in due fasi, al fine di consentire a tutti i ragazzi di partecipare attivamente. Fuori dell’aula abbiamo chiesto di disporre di una parte di corridoio con due scrivanie riservate agli esperimenti sensoriali: sul primo ripiano sistemiamo delle scatole chiuse, mentre sul secondo posizioniamo un quadro di Sensoltre, con tag di riconoscimento e cellulare NFC (comunicazione in prossimità) per ascoltare la traccia audio.

Un ragazzo per volta, viene bendato e accompagnato da Giuseppe, al primo tavolo, per scoprire insieme gli oggetti nascosti. Un secondo studente, viene bendato e fatto sedere all’altra scrivania, per provare l’esperienza tattile-uditiva di un quadro della mostra. Al termine, i ragazzi si invertono e, successivamente, rientrano in classe.

Nel mentre di questi esperimenti, gli altri studenti rimangono in classe, in compagnia di Giovanni e della docente di Arte, per: assemblare il quadro, ritagliare parti in stoffa da inserire, aggiungere la basilica di San Nicola in 3d, disegnare, avvitare, colorare, etc.

È da apprezzare la prontezza di riflessi e comunicativa che tutti gli studenti mostrano attraverso le attività, intese come gioco e sfida personale. Naturalmente, non si riconoscono sempre gli oggetti inseriti nelle singole scatole, ma ognuno di loro cerca di usare intuizione e immaginazione. L’esplorazione del quadro dal nome Torno Subitogenera bocche spalancate ed esclamazioni come ‘Che bello!’ oppure ‘Eccolo qui, l’uomo che sale per le scale!’

É interessante l’approccio amichevole che Giuseppe adotta quando un ragazzo, o una ragazza, viene accompagnato al tavolo da bendato, esordendo con un ‘Ciao! Come ti chiami? Adesso insieme proveremo a riconoscere questi simpatici oggetti tra le mani’ I ragazzi sorridono e pongono mille domande, incuriositi dalle capacità sensoriali di Giuseppe.

La classe, invece, si trasforma in una vera e propria bottega tra pezzi di legno, da levigare e inserire, e parti da incollare.

Ciò che colpisce, osservando questi ragazzi in azione, è il desiderio di accompagnare loro stessi gli altri compagni bendati, una volta terminata la propria esperienza sensoriale.

Gli esperimenti non soltanto riescono a sollecitare lo sviluppo di sensi assopiti, come il tatto e l’udito, ma realizzati in un gruppo di bambini prossimi all’adolescenza, scatena soluzioni naturali e spontanee di grande e inattesa capacità inclusiva.

Primo giorno di attività scolastiche a Bari

Bari, porta d’Oriente, città di San Nicola e crocevia di popoli e culture. É questa la prima località italiana a sperimentare il progetto formativo Sensoltre Sei Tu. Partiamo dal capoluogo pugliese, lo stesso che nel dicembre del 2013 ha ospitato la prima edizione della mostra tattile Sensoltre, da cui prende spunto questo ciclo di attività educative e culturali.

Dopo i primi incontri conoscitivi, che già avevano creato grandi aspettative nei nostri interlocutori, il tanto atteso inizio è finalmente arrivato. Oggi è lunedì 5 febbraio e, durante questa prima giornata, presento il progetto con Chiara De Felice, coordinatrice di Informatici Senza Frontiere Onlus per la Puglia e Giovanni Pedote, artista di Sensoltre.

Percorriamo il ponte Adriatico, avvolti dalla pioggia di una fredda giornata d’inverno. Passiamo davanti a una delle insenature cittadine, dove il mare blu scuro contrasta con un cielo bianco e cupo del mattino. Ritroviamo però il sole nella calorosa accoglienza che il personale e gli studenti ci riservano, al nostro arrivo. La scuola media fa parte dell’Istituto Comprensivo Eleonora Duse, nel quale si inseriscono corsi per: Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado. Prima di andare in classe, visitiamo gli spazi interni insieme al Preside. I corridoi sono molto luminosi e decorati con disegni e dipinti, per riproduzione o reinterpretazione, di artisti provenienti dall’Arte Moderna e Contemporanea: Edgar Degas, Henri Matisse, Gustav Klimt, Amedeo Modigliani e Pablo Picasso, per citarne alcuni. Il senso estetico e creativo, si evince anche dalla presenza di un teatro, di laboratori musicali e dalle particolari decorazioni realizzate in ogni classe. Nello specifico, accanto agli strumenti tecnologici, quali la lavagna elettronica e il proiettore, si notano alcuni dipinti ai muri: figure fantastiche, paesaggi naturali e citazioni di scrittori o artisti del Novecento. Probabilmente non è un caso che l’Istituto porti il nome di una delle protagoniste della scena teatrale moderna italiana: Eleonora Duse. Come sottolinea il Dirigente, ogni attività segue la partecipazione attiva dei vari interlocutori alla vita scolastica. Ogni spazio è accuratamente pensato e creato in collaborazione con gli studenti, i genitori, i docenti e il personale.

Saliamo al primo piano dove, alla fine di un lungo corridoio, c’è la classe 2ª A. Ad attenderci, sull’uscio della porta, troviamo la docente di Storia dell’Arte, Patrizia Romito, pronta per iniziare le attività con i ragazzi. Il Preside ci introduce alla docente e alla classe e, andando via, ci augura buon lavoro. I ragazzi ci salutano in coro e riprendono posto, ognuno al proprio banco. Sento già nell’aria una grande carica di adrenalina e leggo nei visi sorridenti di ognuno dei ragazzi la curiosità per quanto stiamo per iniziare insieme. Ci presentiamo accompagnando le parole ad alcune immagini e video. Chiara racconta ISF onlus. ‘Secondo voi, chi sono gli Informatici Senza Frontiere?’ Nessuno tra i ragazzi riesce a rispondere alla domanda, nonostante l’approccio amichevole impostato dalla coordinatrice. Mano a mano che il racconto va avanti e si parla dei progetti di alfabetizzazione, delle attività in Africa e di quanto si stia facendo nel vasto campo della disabilità per ridurre il divario tecnologico, cresce anche la partecipazione dei ragazzi. Uno di loro dice: ‘Ma quindi, gli informatici sono come dei medici che aiutano chi non sta bene?’ Un’altra ragazza, piuttosto vivace, si alza di scatto, esclamando: ‘ Anch’io voglio salvare il mondo. Voglio fare quello che fate voi!Qualcun altro ci chiede se deve proprio aspettare di compiere 16 anni prima di poter diventare un volontario. E così via, in un crescendo di entusiasmo. Entriamo quindi nel vivo della giornata, spiegando come nasce il progetto nazionale Sensoltre Sei Tu e, in concreto, cosa faremo durante i diversi incontri. Mostriamo un video che racconta la mostra Sensoltre, nelle diverse città dov’é stata portata in questi anni. Alcuni di loro restano a bocca aperta, vedendo i visitatori toccare da bendati i quadri. Altri sorridono. Nessuno di loro però ha mai provato un’esperienza sensoriale o visto un quadro tattile dal vivo. Da curatrice di Sensoltre, racconto alcuni incontri con visitatori vedenti e non vedenti, o con altre disabilità. L’uso dell’arte in campo sociale sembra mantenere la loro attenzione emotiva. Mettiamo in uso la stampante 3d per realizzare alcune medaglie con il logo di ISF: una mano aperta con una chiave, quella che apre il mondo al libero accesso tecnologico. I ragazzi sono incantati dal funzionamento della stampante e dal racconto di Sensoltre che vedrà anche una parte tecnologica con l’uso di uno smartphone e di un visore, indispensabili all’esplorazione.

Mentre le medaglie prendono forma, Giovanni mostra i singoli pezzi e il materiale che servirà agli studenti per realizzare un quadro tattile, come lavoro pratico e cuore del progetto. ‘Una pittoscultura’ dice Giovanni, ‘si forma con parti di legno, stoffa, pietra, colore e tanto altro ancora. Ognuno di voi comporrà una parte di quadro come fosse un puzzle. Lo farete insieme. Con la stampante, poi, creeremo la facciata della basilica di San Nicola, il simbolo della città che avete scelto con la prof.ssa di Arte, da inserire nel quadro completato’ Dal fondo della classe si sente una vocina ‘Anche noi possiamo fare gli artisti?’ Mentre Giovanni continua a mostrare il materiale, sorrido e intervengo: ‘Esatto! È proprio questo l’obiettivo del progetto. Tutti diventerete artisti, insieme. Sarete però degli artisti molto speciali, perché imparerete anche a sviluppare il tatto e l’udito e proverete alcune esperienze al buio che vi aiuteranno a creare con più sensibilità e attenzione’. Dopo queste prime istruzioni sulla realizzazione del quadro tattile, i ragazzi non stanno più nella pelle e vorrebbero iniziare subito a comporre il quadro. Questa prima mattinata insieme è passata in fretta ma si è già delineato l’entusiasmo indispensabile alle fasi di creazione collettiva.

di Emanuela Ferri, curatrice Sensoltre